Liberland ospiterà Oju X, un nuovo exchange di criptovalute

Per chi ancora non lo sapesse, Liberland è un piccolo stato, appena più grande del Principato di Monaco, nato poco più di 3 anni fa in un fazzoletto di terra al confine tra Serbia e Croazia: dato che nessuna delle due nazioni era interessata a questo triangolo di 7 kilometri quadrati lungo il Danubio, Vit Jedlicka, giovane libertario ceko, ha deciso di farne uno stato per le persone libere, con pochissime leggi e tasse solo su base volontaria. Per non essere l’ennesimo staterello barzelletta, Vit Jedlicka e il suo team si sono adoperati fin dall’inizio per ottenere quanto prima un riconoscimento internazionale, e per costruire quanto prima una florida attività economica. Nello sviluppo economico di Liberland le criptovalute, e i sistemi basati sulla blockchain hanno avuto fin dall’inizio un ruolo centrale: grazie a bitcoin possono arrivare capitali e cervelli da tutto il mondo, e possono essere sviluppate aziende che per funzionare hanno bisogno solo di una connessione internet.

liberland blockchain

La notizia di questi giorni è che un nuovo Exchange di criptovalute, noto come Oju X, è stato incorporato in Liberland. Oju X promette molte innovazioni rispetto agli Exchange oggi esistenti, ma la più importante è che metterà a listino tutti i token (gettoni crittografici) di aziende basate a Liberland. Gli stessi Merit, vale a dire la valuta convenzionale di Liberland, saranno oggetto di negoziazione su Oju X. Per chi non vuole andare fino in Wyoming per lanciare la sua ICO, c’è un altro piccolo stato che può diventare la meta più accogliente.

Articoli collegati